Via Emilio Longoni, 69 - 00155 Roma - Tel.: 06 22551 - 06 2255 290 Fax: 06 2255367                                                                        
 
Un’ernia discale cervicale, in senso strettamente clinico, è una condizione che causa una compressione di una radice nervosa cervicale o del midollo spinale.
   L’ernia cervicale è più rara di quella lombare. I dischi più spesso interessati sono quelli  tra quinta e sesta (C5-C6) e sesta e settima (C6-C7) vertebra cervicale. Di norma, le ernie sono contenute o espulse. La sede dell’ernia è mediana, postero-laterale o intraforaminale. La prima provoca di solito una cervicobrachialgia, ossia dolore al collo e all’arto superiore. Talora è presente solo dolore all’arto (brachialgia). Un’ernia mediana voluminosa può causare una compressione midollare, acuta o cronica.
 
Sintomi e segni clinici comuni
Ridotta mobilità del rachide cervicale, con possibile torcicollo. Aumento del dolore cervicale e/o all’arto nell’estensione del collo (Fig. 1). Possibile riduzione di forza di uno o più muscoli dell’arto superiore, riduzione o scomparsa di un riflesso e disturbi sensitivi di uno o più dita della mano.
 
Sintomi e segni clinici specifici
Ernia C5-C6. Comprime la radice C6, che innerva la cute della regione antero-laterale del braccio e dell’avambraccio e il muscoli bicipite brachiale, e determina il riflesso bicipitale. Il paziente ha dolore al collo e nell’area di innervazione cutanea della radice e può lamentare addormentamento o formicolio al pollice e all’indice.
   Alla visita medica, nelle sindromi deficitarie, vi può essere ridotta forza di flessione del gomito, riduzione o scomparsa del riflesso bicipitale, e ridotta sensibilità  sul pollice e indice.
 
Ernia C6-C7. Comprime la radice C7, che innerva la regione posteriore del braccio e postero-laterale dell’avambraccio e il terzo dito della mano. Essa innerva il tricipite brachiale e determina il riflesso tricipitale. Il paziente lamenta dolore nella regione posteriore del braccio e postero-laterale dell’avambraccio e può avere disturbi sensitivi in queste regioni o solo nel terzo dito della mano.
Nelle sindromi compressive, l’esame clinico evidenzia un deficit di forza del tricipite brachiale, riduzione o scomparsa del riflesso tricipitale, ipoestesia nel terzo dito della mano.
 
Diagnosi strumentale
La risonanza magnetica (RM) è l’indagine di scelta, poiché può dimostrare l’ernia e le sue caratteristiche, l’eventuale stato degenerativo dei dischi adiacenti, ed escludere altre patologie cervicali. Talora la TAC può dimostrare l’ernia tanto bene o, anche meglio, della RM (Fig. 2). Essa, tuttavia, non dimostra patologie midollari. L’EMG (elettromiografia) può essere utile per documentare eventualI deficit di forza muscolare.
 
Trattamenti
Conservativi
Per lo più la sintomatologia dolorosa si risolve in 4-8 settimane con anti-infiammatori, possibilmente cortisonici inizialmente e poi non-cortisonici, somministrati a dosi decrescenti. Un collare è poco indicato perché, estendendo il collo, può accentuare il dolore all’arto. La fisioterapia può essere utile per la cervicalgia.
Chirurgici
Un’indicazione chirurgica vi può essere in presenza di intenso dolore refrattario ai farmaci o di marcati deficit muscolari.
Chirurgici percutanei
In pazienti con marcato dolore all’arto superiore, ma scarsi deficit muscolari può essere indicata una nucleoaspirazione con una piccola sonda introdotta nel disco sotto visione TAC per asportare una parte del nucleo polposo e ridurre la pressione esercitata dall’ernia sulla radice. Con queste metodiche si può ridurre, o anche eliminare, il dolore all’arto, favorendo il riassorbimento spontaneo dell’ernia. La percentuale di successo di queste metodiche è di circa il 70%.
Chirurgici a cielo aperto
L’intervento viene effettuato di solito per via anteriore con una breve incisione sulla regione anteriore del collo. Si svuota il disco, rimuovendo l’ernia, e si effettua una fusione dei corpi vertebrali adiacenti (artrodesi intersomatica). Con la metodica classica, l’artrodesi viene effettuata con un piccolo blocchetto osseo (Fig. 3). Alternativamente, si possono usare inserti (gabbiette) inzeppate di osso o con blocchetti metallici in cui cresce osso come nella colonna lombare (Vedi Spondilolistesi, degenerativa, tecniche di artrodesi). Recentemente vengono usate anche protesi discali tra i due corpi vertebrali.
   Di norma vi è una rapida scomparsa del dolore all’arto, e successivamente al collo, applicando un collare per 3-6 settimane o, con alcuni tipi di intervento, non applicandolo affatto.
 
 
 
 
Fig. 1. Nel paziente con ernia cervicale, l’estensione del collo provoca o accentua il dolore all’arto superiore.
Fig. 2. RM (sopra) e TAC (sotto) che mostrano una voluminosa ernia discale espulsa a livello C6-C7 (frecce).
Fig. 3. Artrodesi intersomatica con frammento osseo prelevato dal bacino del paziente a livello C5-C6 (freccia).
Conoscere le malattie
 www.spineinstitute.it - 2008 - All Rights Reserved
Ernia del disco cervicale
Struttura plurispecialistica, diagnostica e terapeutica
INDICE MALATTIE
CONOSCERE
 LA COLONNA VERTEBRALEConoscereColonna.htmlshapeimage_8_link_0
LE MALATTIE DELLA COLONNAConoscereMalattieScoliosi.htmlshapeimage_9_link_0
CHI SIAMO
FRANCO POSTACCHINIChiSiamo_Franco_Postacchini.htmlshapeimage_12_link_0
PIER PAOLO MARIA MENCHETTIChiSiamo_Pier_Paolo_Maria_Menchetti.htmlshapeimage_13_link_0
COME LAVORIAMOComeLavoriamo.htmlshapeimage_16_link_0
DOVE LAVORIAMODoveLavoriamo.htmlshapeimage_18_link_0
LE DOMANDE PIU’ FREQUENTIFAQ_LOMBALGIA.htmlshapeimage_20_link_0
NOVITA’ DALLO SPINE INSTITUTENEWS.htmlshapeimage_23_link_0
F A Q s
COME e DOVE LAVORIAMO
N E W S
COME CONTATTARCI
APPUNTAMENTI PER VISITEAppuntamenti.htmlshapeimage_28_link_0
APPUNTAMENTI
INDIRIZZO E-MAILmailto:info@spineinstitute.it?subject=shapeimage_30_link_0